mercoledì 15 febbraio 2017





Pasquale Cafaro uccise il nipote Giovanni Cafaro per una questione di condominio

Il delitto trovava  spiegazione nei rapporti quanto mai tesi esistenti tra zio e  nipote da quando quest’ultimo aveva acquistato i diritti del nonno sul fabbricato ove entrambi abitavano…


La vittima  intendeva addirittura far saltare in aria con mine il fabbricato se lo zio non fosse andato via.  


Il delitto avvenne a Bellona alle 23,45 del 19 marzo del 1956.

LA CONDANNA FU AD ANNI 20 RIDOTTI A 17 IN APPELLO CON LA CONCESSIONE DELLA PROVOCAZIONE



 NELLA RUBRICA
“CRONACHE DAL PASSATO”
A CURA DI FERDINANDO TERLIZZI
SUL QUOTIDIANO
“CRONACHE DI CASERTA”

E ON LINE SU
“SCENA  CRIMINIS”


LUNEDI’ 20  FEBBRAIO  2017
 VERRÀ PUBBLICATO IL DELITTO CHE  ACCADDE




Nessun commento:

Posta un commento