domenica 7 marzo 2010

Il Gruppo Albatros presenta a Roma il libro del giornalista Ferdinando Terlizzi

SARA’ PRESENTATO A ROMA IL LIBRO DEL GIORNALISTA TERLIZZI
Giovanna Canzano on 20 Aprile, 2009 00:35:00 | 549 numero letture
Dimensione caratteri
Nessuna novita' per questo articolo






“Il delitto di un uomo normale eticamente deviato da una passione
ignominiosa“









Sarà presentato oggi 20 Aprile a Roma alle ore 18,00 – presso la libreria Il Filo, in via Basento, 52 il libro del giornalista Ferdinando Terlizzi,
“Il delitto di un uomo normale”
distribuito dalla Ugo Mursia in tutta Italia.

Il libro del cronista giudiziario casertano sarà illustrato dal criminologo
Carmelo Lavorino che ha curato la prefazione. Il Dr. Lavorino è uno dei più noti investigatori criminali e autore di libri sulla criminologia è stato il consulente per le indagini difensive di alcuni dei più inquietanti gialli degli ultimi venti anni, (via Poma a Roma, il mostro di Firenze, quando Pietro Pacciani fu assolto in appello, Cogne, Molliconi ed altri . Ha fondato la rivista “Detective&Crime” diretta dal Terlizzi per vari anni. E’ analista della scena del crimine, criminal profiler, consulente in analisi investigative criminalistiche criminologiche e autore di vari libri su intricati gialli italiani.
La vicenda raccontata nel libro di Terlizzi si riferisce ad un brutale omicidio avvenuto negli anni Sessanta che “sconvolse le coscienze bigotte della società dell’epoca”. Il medico sammaritano Aurelio Tafuri, nel 1958, conosce Anna Maria Novi, 20 anni, bella, ma “piena di passato”. Nanà (come era chiamata nel giro la Novi), infatti, aveva fatto l’entraîneuse al “Trocadero”, un locale notturno
di Napoli, molto in voga allora, che si trovava sulla via Caracciolo, con vista mozzafiato sul golfo di Napoli, all’altezza dove oggi esiste il ristorante “Rosso Pomodoro”. Nel 1959 la ballerina s’innamora di uno studente che faceva l’indossatore per l’Alta moda, Gianni de Luca. Questi la mette incinta e decide di
sposarla, nonostante l’avversione feroce della famiglia. Tafuri, intanto, invaghito della Novi, continuava a sborsare fior di milioni, mantenendo un ibrido “menage
a trois” (quando non diventava un “quartetto”, per l’inserimento del primo amante della Novi, un ingegnere, o addirittura un “quintetto”, allorquando si inseriva un gay).
Nella comitiva non mancava, infatti, Carlo D’Agostino, un sarto omosessuale
che vendeva costosi abiti alla ballerina (pagati dai suoi amanti occasionali), e organizzava spogliarelli privati e “poker strip”, per i più intimi frequentatori della
villa di Castelvolturno, di proprietà del farmacista Giovanni Tafuri, cugino del dermatologo Casertano.
Il 9 Marzo del 1960, Tafuri, stanco ormai delle “vessazioni” a cui il giovane sottopone la sua “amata”, decide di ucciderlo. Dopo averlo attratto in un tranello, con la scusa di avergli procurato un posto di lavoro in una clinica, lo colpisce con una sbarra alla testa. Poi gli conficca un punteruolo nel cuore, gli lega due mattoni ai piedi e lo getta nelle limacciose acque del fiume Volturno, dal
Ponte della Scafa di Caiazzo. Nel tragitto – dal luogo del delitto alla scafa viene fermato dalla polizia stradale che non si accorge del cadavere del giovane nel portabagagli. Dopo aver confessato il delitto alla madre si costituisce.
Nel carcere scrive il racconto della sua vita, dal quale emerge, tra l’altro, la sua
sconcertante personalità. Addossa alla madre la colpa delle sue “defaillances” sessuali. I difensori che si susseguirono nei quattro gradi di giudizio, in un processo lungo e clamoroso, non riuscirono a farlo passare per pazzo.
Il libro riporta integralmente le arringhe dei proff. Avvocati Afredo De Marsico e Enrico Altavilla. Nonché quelle parziali di: Alfonso Martucci, Ciro Maffuccini, Giuseppe Marrocco, Giuseppe Garofalo, Giovanni Leone, Michele Verzillo, Luigi Bagnulo, On. Luigi Renato Sansone, On. Guido Cortese nonché il memoriale integrale dell’imputato e la perizia psichiatrica ( i periti di parte lo definirono una schizofrenico incapsulato ) che Tafuri confutò definendola “un polpettone diagnostico”. Vi sono poi riportati ampi stralci degli interrogatori e delle udienze dibattimentali. Le sentenze e le motivazioni dei 4 giudizi. Gli appelli ed il ricorso in Cassazione. Il lavoro di ricerca è completato con la pubblicazione di vari documenti processuali, con foto dell’epoca, con alcuni disegni eseguiti dal medico assassino. L’Autore, poi, cita confrontandoli col delitto Tafuri, altri clamorosi casi giudiziari che hanno delle affinità con la vicenda narrata. Come, per esempio, il delitto di Rita Squeglia, (la maestrina di Recale, che strangolò a Positano il suo amante, Nicola Acconcia, a cui è stato dedicato un film “Senza movente”); quello dello stilista Maurizio Gucci, fatto assassinare dalla moglie gelosa; del geometra Giovanni Fenaroli che, per incassare una assicurazione sulla vita, fece strangolare la moglie; della Circe di Mondragone, Petronilla d’Agostino, condannata a 30 anni di reclusione - per aver istigato, con prestazioni sessuali, il genero ad uccidere il marito. Di questo delitto si è anche occupata la Rai nella trasmissione “Un giorno in Pretura”, diretta da Roberta Petrelluzzi. Il libro di Terlizzi parla anche del primo delitto di mafia, quello dell’onorevole Emanuele Notarbartolo collegato alla celebrazione a Santamaria Capua Vetere “per legittima suspicione” del processo contro i mafiosi di Sciara (Sicilia) che uccisero il sindacalista Salvatore Carnevale.
Un processo clamoroso nel quale furono impegnati due futuri presidenti della
Repubblica: Giovanni Leone e Sandro Pertini. Nell’occasione lo scrittore Carlo
Levi ( autore del famoso Cristo si è fermato a Eboli ) scrisse un libro sul processo intitolato “Le parole sono pietre”.
Il lavoro di Terlizzi parla poi della vicenda giudiziaria dell’ex sindaco DC di Sessa Aurunca, che tentò di far uccidere un suo avversario politico… assoldando i killer a cambiali; della strage dell’Ipoteca di S. Maria C.V., dove il secondino, Domenico Cavasso, uccise sette persone per il mancato rilascio di un certificato catastale che gli negava una eredità. Fu riconosciuto totale e parziale infermo di mente e condannato a 15 anni di reclusione. Tra qualche giorno lo vedremo seduto al bar a leggere il giornale.
Il libro parla inoltre dell’assassinio del dr. Carlo Gallozzi. Nelle note di approfondimento il libro di Terlizzi parla del viagra “fai da te” di Roberto Tafuri, farmacista di Santamaria, figlio del cugino del Dr. Tafuri, processato per Viagra “pezzottato” e assolto. Della partecipazione di Santamaria alla trasmissione Tv “Campanile Sera”, dell’arresto di Enzo Tortora. E… di tante altre vicende come quella dello scandalo per la speculazione edilizia di Baia Domizia, delle Torri abusive di Coppola Pinetamare, della rivolta di Cellole, per provocare l’autonomia dal Comune di Sessa Aurunca; dell’assalto delle Br alla Caserma Pica di Santamaria, dove furono asportate molte armi e munizioni; dell’assassinio del giudice sammaritano Nicola Giacumbi, ucciso a Salerno dalle Brigate rosse e delle “case chiuse” della Provincia di Caserta, prima della Legge Merlin.

giovanna.canzano@email.it
facebook

Nessun commento:

Posta un commento