domenica 19 maggio 2013



Abbiamo scelto per voi da "Repubblica" 



I SERIAL  KILLER LIBERI DI UCCIDERE CHIUNQUE E DOVUNQUE  

di Adriano Sofri



In strada, al bar, davanti scuola, in ufficio, Un killer colpisce, ferisce, uccide. Bersagli senza un perché. Dalle studentesse di Mesagne alle impiegate di Perugia. Dai carabinieri di Roma agli uomini di Milano.
Come si ricordano e si piangono le persone amate e ammazzate "per caso"? Domani sarà passato un anno dall'attentato di Brindisi che costò la vita a Melissa Bassi, studentessa di sedici anni, tenne fra la vita e la morte Veronica Capodieci, e ferì altre sei loro compagne. Ci sarà una commemorazione solenne, a Brindisi e a Mesagne, il paese di Melissa e Veronica, parteciperanno ministri e altre autorità, ci saranno cerimonie religiose e civili e concerti. Sarà presentato il librodiario che Selena Greco, compagna di banco di Melissa, anche lei ferita, ha intitolato "I giorni dopo il tramonto".
Intanto va verso la conclusione il processo all'autore confesso di quella tentata strage, che ora piagnucola in aula e chiede perdono e dice che aveva due figlie anche lui; che in carcere si fece sorprendere mentre rivelava il suo proposito di fare il pazzo; che ricavò "dall'enciclopedia" le istruzioni per comandare a distanza un ordigno fatto di bombole di gas. I giudici l'hanno dichiarato lucido e padrone di sé, com'è evidente, e l'hanno imputato anche di terrorismo. "Ho fatto tutto da solo", ha detto, a metà fra la speranza d'attenuante e la rivendicazione. La sentenza si pronuncerà anche su questo terrorismo di un uomo solo, che voleva vendicarsi di qualcosa, della vita degli altri, e stampare così la propria orma, o compiacersi dello spavento suscitato. Nelle ragazze ferite nel corpo e nell'anima, che per mesi rifiutavano di uscire di casa, "perché là mi vogliono ammazzare". Una è venuta a testimoniare in tribunale, sulle menomazioni irreversibili che ha subito e su come è cambiata la sua vita: "Tantissimo, è cambiata".
C'è un'espressione usata, quando qualcuno muore oscuramente, si dice: "Non aveva nemici". Quell'espressione riprende il suo significato. Non avevano nemici le ragazze della scuola brindisina. Non ne avevano le persone uscite di buon mattino nelle strade di Niguarda. Non le signore Margherita Peccati e Daniela Crispolti, impiegate della Regione a Perugia, al cui assassino non è bastato proclamarsi Dio e decidere di suicidarsi. Non i carabinieri in servizio a Montecitorio. I loro aggressori assassini li avevano i nemici, avevano saputo inventarseli,
e se no si erano accontentati dei primi esseri umani che capitassero loro a tiro - il loro "prossimo", i più vicini, quelli che una provvidenza alla rovescia mettesse sulla loro strada. Questa condizione mostruosamente squilibrata turba ogni intelligenza. Quando, un minuto dopo l'esplosione di Brindisi, in troppi sostennero che fosse roba di mafia o terrorismo - e avevano le loro brave ragioni: la scuola delle ragazze è intitolata a Francesca Morvillo Falcone, la carovana antimafia stava per arrivare in città - erano mossi soprattutto da una speranza spaventata. La speranza è sempre quella che si tratti del "gesto di un pazzo isolato".
(Il pazzo isolato è una figura insieme arcaica e "americana"). Si può esorcizzarlo più facilmente, sentirsene più al riparo che non dalla minaccia della strage di mafia o terrorista. Tuttavia, in un angolo dei pensieri, la violenza della mafia o del terrore pretende di essere più spiegata, più prevedibile. Ha i suoi fini, i suoi bersagli, anche quando colpisce indiscriminatamente nel mucchio: la morte degli innocenti, degli estranei - la morte per caso - serve alla sua causa. Succede il contrario quando la decisione di uccidere non si cura dei suoi bersagli: omicidi volontari, spesso
premeditati - come a Brindisi - dalle vittime impreviste, offerte dal caso. A Niguarda, dopo il troppo tempo trascorso senza alcun intervento, si è di nuovo evocato l'impiego dell'esercito a presidio degli "obiettivi sensibili": ma occorre chiamare sensibili obiettivi come il giovane che a ogni alba distribuisce i giornali con suo padre, il pensionato che porta il cane ai giardini, le ragazze che vanno a scuola, i carabinieri nella piazza, le impiegate di un ufficio. In questo privato terrorismo asimmetrico, fra assassini volontari e vittime fortuite, ciascuno e dovunque diventa meritevole di una scorta: e dunque è la società intera e la sua socievolezza che deve reimparare a far da scorta a se stessa. (Altro affare è la consunzione dei normali servizi di polizia, la famosa polizia di quartiere, fra usi impropri e denari distolti, auto vecchie e ferme e straordinari non pagati dalla seconda settimana e concorsi bloccati).
Anche il perdono, in questa sgretolata guerra asimmetrica, sfugge ai suoi confini. Si può, chi voglia e ci riesca, perdonare ai propri nemici: ma occorrerebbe rassegnarsi a onorare come nemici i pazzi o i farabutti che hanno deciso di soddisfare su persone ignote e ignare la loro inimicizia universale. Le persone che perdono i loro cari in circostanze come queste hanno uno speciale dolore che non può darsi spiegazioni, che non rintraccia abbastanza né una, per deforme che sia, causa umana, né una sciagura, com'è l'ingiustizia della morte naturale dei giovani.
Il monumento ai loro caduti non evoca guerre di stati e di bande criminali o guerriglie civili: non c'è milite ignoto a rappresentarli, perché non c'era milite, solo ragazze di sedici anni che preparavano la sfilata scolastica dei loro modelli, signori di una mattina milanese, signore di un ufficio umbro. "Mio padre e io - ha detto la figlia del brigadiere Giangrande, Martina - ci chiamavamo un esercito sgangherato: ora siamo un mezzo esercito, e pure tanto sgangherato".
Nel febbraio dell'anno scorso un tribunale milanese ha dichiarato non punibile Oleg Fedchenko perché affetto da schizofrenia, e l'ha assegnato a un Ospedale psichiatrico giudiziario. Fedchenko era il giovane ucraino, pugile dilettante, che nell'agosto del 2010 era uscito dalla casa materna annunciando di voler uccidere la prima donna in cui si fosse imbattuto per strada. "La prima che incontro". Lo fece: lei era Emlou Aresu, era filippina, aveva due figli, all'indomani sarebbe ripartita per le Filippine. Faceva i lavori nelle case, "andava sempre di fretta", come raccontarono i conoscenti, e così di fretta arrivò in viale degli Abruzzi, all'appuntamento con quel venticinquenne che voleva vendicarsi di un amore deluso e di chissà quale altro delirio. Si apprese allora che i criminologi li chiamano "delitti casuali", e li considerano i più difficili da prevenire e impedire. Pensai allora che non è casuale esser donna, e filippina per giunta. Forse quell'aggettivo, casuale, verrà lasciato cadere per tutti. Forse, retorica a parte, prenderemo tutti congedo da quell'altra espressione così usata: "Non c'entravano niente". C'entriamo, scriveremo sul monumento a questi caduti.
 


  

Nessun commento:

Posta un commento