sabato 3 dicembre 2011


Oggi a Piazza Dante la giornata della promozione della Media Conciliazione PRESSO LA 1° CAMERA DI MEDIAZIONE FORUM 550  CONTROVERSIE TRATTATE

PRESENTE  CON LO STAFF IL PRESIDENTE  DR. MARIO AGLIONE IL VICE DOTT.SSA  GIULIA AGLIONE – GIUSTIZIA: IN SEI MESI 80 MILIONI DI EURO RISPARMIATI DAGLI ITALIANI GRAZIE ALLA MEDIAZIONE

 

     Caserta ( di Ferdinando Terlizzi ) -  Saranno  illustrati  oggi, nel gazebo allestito in Piazza Dante,  dalla Prima Camera di Mediazione di Caserta  “FORUM”,   i risultati dei primi mesi di proposizioni di  conciliazioni a Caserta e Provincia.  Sarà presente, per distribuire materiale illustrativo e spiegazioni tecniche,  lo staff al completo della Camera di Caserta  con  tutti i docenti della “Practical School” presso la quale c’è una fucina per la formazione dei professionisti della conciliazione.

      Il Presidente della FORUM Dr. Mario Aglione, sarà  collaborato dalla Dr.ssa Giulia Aglione, Vice Presidente del Gruppo e animatrice di questa giornata della “Media Conciliazione” a Caserta.  Lo staff sarà arricchito dalla presenza dell’intero Team Forum:  per l’area amministrativa, l’Avv. Patrizia dell’Ova; per l’area tecnica gestionale e mediatori,  il responsabile Dr. Pierluigi Tedesco; per l’area  contabile e sedi secondarie  l’Avv. Daniela Mingione; per l’area marketing e comunicazione la  responsabile Dr.ssa Giusy Tammaro.

        Si alterneranno, nella illustrazione degli argomenti, ai cittadini che vorranno avere cognizioni della nuova “giustizia veloce” della mediazione,  i “case manager” di Forum; l’Avv. Rossella Gravina, l’Avv. Antonio Cardarelli, l’Avv. Michela Fusco, l’Avv. Prof. Francesco Stabile e la Dr.ssa Carmen De Rosa.  
     “Se a Caserta  dal marzo scorso ad oggi – ci ha detto la V. Presidente di Forum, Dr.ssa  Giulia Aglione – la Prima Camera di Mediazione  del capoluogo ha trattato circa 550 vertenze ( con esito positivo di oltre il 70%  per le controversie fino a 10 mila euro ) in Italia sono state circa  9 mila le richieste avviate alle camere di Conciliazione  secondo  un dato dell’Union Camere, con un risparmio di 80 milioni di euro in sei mesi di attività della nuova conciliazione”.
     “E’ sintomatico un altro dato – ha incalzato il Dr. Mario Aglione, Presidente del Gruppo “Forum” che accomuna anche la “Practical School”, ed è la dichiarazione resa  dal ministro della giustizia l’altro giorno. Il Ministro  Paola Severino ha infatti detto: “Sulla conciliazione c'e' una direttiva comunitaria, condivisa dai Paesi europei. Bisogna trovare il giusto equilibrio, ovvero attuarla senza andare oltre cio' che nella tradizione italiana puo' essere condiviso''.  (La dichiarazione è stata resa nella sua audizione in commissione Giustizia al Senato, in merito  appunto alla media conciliazione obbligatoria N.d.R. ) .
      Ma  quello che è più sconcertante – aggiungiamo noi – è che finora si attendeva la Consulta per la decisione finale,  sia sulla obbligatorietà dei tentativi di conciliazione,  sia sulla  obbligatorietà della presenza di un avvocato.  Tempo perso, infatti,   il Presidente della “Assomediazione”,  Ferdinando Lombardo ha fatto sapere “che  il TAR non ha ancora provveduto a trasmettere gli atti, e che dunque la Consulta non ha nulla per poter neanche fissare una prima data di udienza”.
     Questo significa che entro marzo prossimo andranno in esecuzione anche le altre branche  della mediazione che erano state sospese (come le liti condominiali e le controversie per incidenti automobilistici ) e che i magistrati vigileranno sui mancati tentativi di conciliazione,  condannando alle spese le parti soccombenti e principalmente deferendo ai Consigli dell’Ordine gli avvocati che “dribblano” – e non sono pochi -  la mediazione,  mettendo a ruolo  le cause senza il tentativo di conciliazione e peraltro senza neppure comunicare ai propri assistiti dell’obbligatorietà dello stesso.  
    

Nessun commento:

Posta un commento