sabato 11 maggio 2013


Valter Vecellio

Il nazista querela, perde e chi paga?

10-05-2013
È un edizione un po’ malmessa, le pagine ingiallite; ma tra è tra i dieci che cercherei di salvare da un incendio. Valore nessuno, se non quello sentimentale: acquistato con primi, personali denari, quando ancora non c’era l’euro, costo 900 lire: Walden; or Life in the Woods, con l’accluso saggio Civil Disobedience. Un classico non solo della letteratura americana, ma del pensiero libertario e nonviolento. Henry D. Thoreau, dopo le prime esperienze di insegnante a Concord, va a vivere da eremita sulle rive del lago di Walden, nel Massachusetts. Nel luglio del 1846 viene arrestato, per non aver pagato le tasse: la sua protesta individuale contro un paese all’epoca schiavista e impegnato in una guerra giudicata di aggressione contro il Messico. Il saggio Civil Disobedience nasce da quell’esperienza.
Lettura giovanile, ripescata qualche ora fa, come contravveleno. Chi scrive questa nota ha ricevuto una busta “Equitalia”, l’ente che in Italia è stato incaricato di riscuotere tributi, tasse e balzelli. È una perentoria ingiunzione di pagamento: 310 euro e 17 centesimi, da versare entro 60 giorni, pena ulteriori draconiane conseguenze che possono arrivare fino al pignoramento dello stipendio e sequestri vari.
Giornalista professionista, attualmente lavora in RAI. Dirige il giornale telematico «Notizie Radicali», è iscritto al Partito Radicale dal 1972, è stato componente del Comitato Nazionale, della Direzione, della Segreteria Nazionale.

Non ho pagato le tasse, ho evaso il fisco e mi hanno beccato? Nulla di tutto ciò. Si tratta di spese dovute per la registrazione di una sentenza giudiziaria. Cose che capitano, si dirà: quando si fa il giornalista va messo in conto, anche in buona fede, di commettere errori, diffamare qualcuno.
Qui la storia però è più complessa. I protagonisti sono tre: Erich Priebke, un ex capitano nazista che sconta l’ergastolo, condannato per l’eccidio alle Fosse Ardeatine; il presidente della comunità ebraica di Roma Riccardo Pacifici; e chi vi scrive.
I fatti risalgono all’agosto del lontano 1996. Il reato addebitato a Priebke è stato appena dichiarato prescritto, un verdetto che provoca rabbia e indignazione tra i familiari delle vittime e la comunità ebraica. Il tribunale è assediato per ore, fino a quando il ministro della Giustizia di allora, Giovanni Maria Flick, dispone che Priebke sia nuovamente arrestato. In breve: altri processi, fino alla condanna definitiva. L’ex capitano nazista si sente leso dal nostro comportamento, da quello che si è detto e scritto. Ancora processi, che vedono Priebke soccombente, fino alla Cassazione.
A questo punto scatta un perverso automatismo kafkiano. L’imposta per la registrazione della sentenza è a carico del soccombente; ma se quest’ultimo risulta, come Priebke, nullatenente, allora l’agenzia delle entrate, attraverso “Equitalia”, si rivale sulle altre parti in causa. Per essere chiari: il nazista Priebke che querela, e perde; i querelati, che si pagano di tasca loro gli avvocati, che alla fine hanno vinto: sullo stesso piano.
Non è tanto per i 300 euro, anche se conosco modi migliori per spendere il mio denaro. È una questione di principio. Chi sa di cose di legge racconta che cose di questo tipo accadono ogni giorno, ed è il risultato di leggi italiote fatte come son fatte. In altri paesi liti temerarie come quelle palesemente accese da Priebke vengono pesantemente sanzionate e comunque nessuno si sogna di chiedere a chi vince una causa alcunché. Ma siamo in Italia, si obietta, con tono di chi consiglia di rassegnarsi. È giustizia, questa? ho chiesto in una lettera aperta al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e al ministro della Giustizia Annamaria Cancellieri. Se me lo dicono loro, pago. Ma me lo devono dire. In attesa di risposta torno alla lettura dell’amato Thoreau…
 

Nessun commento:

Posta un commento