domenica 12 gennaio 2014

IL TRIBUNALE PENALE SI FERMA PER TRE GIORNI SALTERANNO IL PROCESSO COSENTINO E QUELLO CONTRO GIUSEPPE SETOLA


    


Giustizia: una protesta indetta dall'Ucpi, gli avvocati penalisti per 3 giorni in sciopero







Si prospetta l'ennesima settimana difficile per la giustizia a causa dello sciopero proclamato dall'Unione camere penali dal 13 al 15 gennaio.
Alla protesta prenderanno parte anche gli avvocati penalisti e dunque niente udienze da lunedì a mercoledì prossimi salvo che per le emergenze, i processi in cui i detenuti dovessero chiedere la celebrazione dell'udienza, le convalide e gli interrogatori successivi agli arresti. I problemi della giustizia si toccano con mano, negli ultimi mesi non sono state certo poche le proteste indette dagli avvocati, comprese le ultime due tra novembre e dicembre che hanno avuto carattere squisitamente locale, quando gli avvocati nisseni decisero di incrociare le braccia per protestare contro le carenze di organico dei magistrati e la mancata copertura dei posti vacanti, soprattutto in Tribunale dove le forze sono ormai dimezzate.
Con questa nuova protesta, a carattere nazionale, i penalisti lamentano attacchi al rispetto del diritto del difesa soprattutto per via delle decisioni di intercettare i colloqui in carcere tra difensore e cliente, per i progetti di legge sull'immutabilità del giudice che per gli avvocati significherebbe consentire a giudici che non hanno mai seguito i processi di emettere sentenze e ricordando anche che era stato necessario un intervento della Corte costituzionale sulla limitazione di massimo tre colloqui a settimana tra legale e cliente ristretto al carcere duro.

Nessun commento:

Posta un commento