lunedì 24 ottobre 2016

CINQUE MILIARDI DELLE VECCHIE LIRE SEQUESTRATE ALL’ ODONTOEDITORE E TRUFFATORE PASQUALE PICCIRILLO- GIORNALI E TV  LIBERE NEL MIRINO DELLA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI SANTA MARIA CAPUA VETERE
___________________
____________________________________________________________________

RICATTI ED ESTORSIONI AI DANNI DEI GIORNALISTI
_______________________
Il Procuratore della Repubblica Maria Antonietta Troncone 
_________________________________________________________________

Gli esiti dell’attività d’indagine costituiscono un’ulteriore testimonianza del costante presidio economico-finanziario esercitato da questa Procura, in sinergia con i competenti Reparti della Guardia di Finanza, anche nel contrasto alle frodi nel settore dei contributi pubblici all'imprenditoria privata.

 

 



Questa mattina il  Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di
Caserta ha posto in esecuzione un decreto di sequestro preventivo, emesso
Dall’Ufficio del G.I.P. del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere -su richiesta della
locale Procura- avente ad oggetto beni per un valore complessivo superiore ai 2,5
milioni di euro nei confronti della “Dossier Società Cooperativa Giornalistica”, a
responsabilità limitata, operante nel settore dell’editoria, nonché dell’amministratore
di fatto Pasquale Piccirillo e dei rappresentanti legali pro-tempore della medesima
società,  Antonio Sollazzo  e  Caterina Maria Bagnardi . Il provvedimento di sequestro rappresenta l’epilogo dell’articolata e complessa attività di indagine svolta dalle Fiamme gialle tarantine in collaborazione con quelle casertane - con il coordinamento della Procura sammaritana - che ha consentito di disvelare la illecita percezione, da parte della società cooperativa “Dossier”, dei finanziamenti pubblici all’editoria, previsti a garanzia del pluralismo dell’informazione, per le annualità 2009, 2010 e 2011. La normativa di riferimento prevede che, al fine di conseguire il finanziamento all'editoria, le cooperative della specie devono associare almeno il 50% dei giornalisti dipendenti, aventi rapporto di
lavoro regolato dal contratto nazionale di lavoratore giornalistico, con la clausola di
esclusiva con le cooperative medesime. L'attività investigativa espletata ha
consentito, allo stato, di ricostruire il meccanismo truffaldino architettato e
realizzato: far figurare la compagine societaria come composta da giornalisti, con
contratto di esclusiva, in numero tale da superare la predetta soglia percentuale; e
ciò contrariamente al vero, trattandosi di giornalisti che, in realtà, non ricoprivano
affatto il ruolo di soci. Infatti, i giornalisti sentiti come persone informate dei fatti hanno escluso la qualità di soci della cooperativa, precisando la loro associazione alla cooperativa fosse solo fittizia e non attribuibile alla propria volontà. Essi, hanno, invero, dichiarato che la loro partecipazione era stata dettata dalla necessità di accesso o di
conservazione del posto di lavoro, a fronte della minaccia di licenziamento,
risolvendosi quindi in un mero rapporto di lavoro dipendente.
Nella medesima prospettiva gli stessi hanno dichiarato, inoltre, di non avere versato
alcuna quota associativa, né di avere ottenuto il rimborso al momento del
licenziamento, nonché di avere firmato documenti precompilati e privi di data al
momento dell'ingresso nella cooperativa, sempre sotto la minaccia della risoluzione
del rapporto di lavoro. Addirittura, in alcuni casi, i giornalisti dipendenti hanno riferito
di non essere stati affatto al corrente della loro qualità di socio, appresa soltanto in
epoca successiva al licenziamento.
Tale condotta artificiosa ha così integrato la fattispecie di truffa aggravata per il
conseguimento di erogazioni pubbliche, in quanto ha indotto in errore il
Dipartimento per l'Informazione e l'Editoria, facente capo alla Presidenza del
Consiglio dei Ministri, determinandolo all'erogazione di un beneficio non dovuto sul
presupposto ingannevole dell'esistenza dei requisiti richiesti dalla disciplina di
settore.
Il G.I.P., aderendo alla richiesta di questa Procura, ha pertanto emesso il
provvedimento di sequestro preventivo delle disponibilità finanziarie, dei beni mobili
e immobili nella titolarità della società e dei suoi amministratori fino a concorrenza
dell'importo dei finanziamenti illegittimamente erogato.
Gli esiti dell'attività d'indagine costituiscono un'ulteriore testimonianza del costante
presidio economico-finanziario esercitato da questa Procura, in sinergia con i
competenti Reparti della Guardia di Finanza, anche nel contrasto alle frodi nel
settore dei contributi pubblici all'imprenditoria privata.


Nessun commento:

Posta un commento