martedì 29 novembre 2016

Accade a Sessa Aurunca


DISATTESO IL PROVVEDIMENTO DEL GIUDICE FAVOREVOLE AL CONTRIBUENTE
L’UFFICIO  TRIBUTI DEL COMUNE NON PROVVEDE PER TEMPO ALLO SGRAVIO. LA DECISIONE HA ANCHE AFFERMATO UN IMPORTANTE PRINCIPIO GIURISPRUDENZIALE: “NON PUÒ ESSERE CONSIDERATA PROVA DELLA CONSEGNA DI UNA RACCOMANDATA ( COME SPESSO FA IL COMUNE) UN ELENCO DI CONTRIBUENTI”.

Sessa Aurunca –  Non basta ottenere un provvedimento di sgravio favorevole e tanto di sentenza per costringere l’ufficio tributi  del comune di Sessa Aurunca (non nuovo a simili funambolismi)  a cancellare una iniqua tassazione. E’ quanto è capitato ad una signora di V.F.  assistita dagli avvocati Antonio e Giuseppe Monarca. Ecco in breve la storia. Nel lontano 2055 la predetta impugnava la cartella esattoriale con la quale il Comune di Sessa Aurunca, a mezzo della Gist Line, le ingiungeva il pagamento di € 6.852,80 per ICI evase per gli anni 1998 e 1999. Il  ricorso veniva accolto, ma contra la sentenza della C.T.P  di Caserta il Comune di Sessa Aurunca presentava appello, ma  la Commissione Tributaria Regionale lo dichiarava inammissibile con sentenza depositata il 13/03/2008. Alla sentenza non fece seguito il ricorso per Cassazione per cui la decisione divenne esecutiva. Ma gli atti notificati al comune non costringevano l’ufficio tributi allo sgravio e la signora era costretta – sempre a mezzo dello studio Monarca – ad inoltrare una precisa diffida nei confronti dell’Equitalia Sud S.p.A e nei confronti del nuovo responsabile dei tributi Dr. Antonino Marchegiano,  nel mese di ottobre del 2016, nonostante il legale dell’Ente, Avv. Spicciariello, avesse assicurato che lo stralcio era già stato operato. Invece, da una visura effettuata casualmente dalla ricorrente, con conseguente estratto di ruolo, in data 06/09/2016 alle ore 9.20, la stessa  apprendeva, con somma sorpresa, che risultava ancora iscritta la somma di € 7.607,44, nei ruoli dell’ADR, annullati da oltre 10 anni, dalla Commissione Tributaria Provinciale di Caserta. Ciò perché non era stato effettuato lo sgravio dal Comune nonostante la sentenza passata ingiudicato e nonostante lettere, inviti, diffide, assicurazioni ricevute anche dalla responsabile dell’epoca Dott.ssa Anna Gallinaro. Intanto lo studio Monarca ha ottenuto un’altra considerevole affermazione avendo la sentenza affermato, tra l’altro,  un importante principio giurisprudenziale: “Non può essere considerata prova della consegna di una raccomandata (come spesso fa il comune) un elenco di contribuenti”. In contraddittorio l’avv. Monarca ha dimostrato che la sentenza della Corte Costituzionale, cui faceva riferimento il Comune di Sessa Aurunca, non era applicabile al processo tributario perché, essendo la norma indicata specifica per tale processo, essa non era stata dichiarata incostituzionale dalla sentenza de qua e, quindi, non sì adattava al processo tributario. La spedizione risultava fatta, come certificato dal documento delle Poste italiane, il 05/01/2015 e consegnata il 1 7/01/20 15 e, quindi, oltre il termine di decadenza del 3 1/12/2014. “Ma, anche a voler seguire la tesi dei Giudici di primo grado, scrivono i giudici nella loro motivazione in appello - che individuano la data di consegna della raccomandata all’ufficio postale come data utile per il calcolo dei termini di decadenza, non solo non è stato correttamente provato che la consegna sia avvenuta il 31/12/2014, ma risulta documentalmente dall’atto di ricerca online effettuata tramite il sito delle Poste Italiane, che la data di accettazione-consegna è quella del 05/01/2015, oltre, cioè, il termine del 31/12/2014. Inoltre, va aggiunto che non può essere considerata prova della consegna dì una raccomandata un elenco di contribuenti; correttamente, la consegna della raccomandata è tale quando viene depositata nell’ufficio la raccomandata individuale del contribuente”.



  

Nessun commento:

Posta un commento