giovedì 8 dicembre 2016



PRIMA IL  RATTO DI UNA RAGAZZINA A FINE DI MATRIMONIO POI L’ASSASSINIO DEL SUOCERO
 
la vittima 


LA CONDANNA FU A 22 ANNI DI RECLUSIONE. VERDETTO CONFERMATO IN APPELLO E CASSAZIONE. CONTRO DI LUI COSTITUITE PARTE CIVILI LA MOGLIE, LA SUOCERA E LA MAMMA DELLA VITTIMA

Avv. Alfonso Martucci 

Il delitto accadde ad Arienzo il 20 giugno del 1954
Due anni prima aveva rapito la figlia della vittima  minore di età che poi aveva sposato.

 

Il giorno del delitto la giovane moglie abbandonando il figlioletto di pochi mesi presso i familiari del marito si era rifugiata presso la nonna materna.


Il marito ingiunse alla sorella di portare il bambino  ai suoceri questi si rifiutarono di riceverlo…

Avv. Giuseppe Marrocco 

Tre colpi in faccia al suocero ( che aveva lo aveva da sempre aiutato )  poi la fuga…



TUTTI I PARTICOLARI ED I RETROSCENA  DELL’ODIOSO DELITTO

 

LUNEDI’  12  DICEMBRE   ’16
NELLA RUBRICA
“CRONACHE DAL PASSATO”
A CURA DI FERDINANDO TERLIZZI


SUL QUOTIDIANO
“CRONACHE DI CASERTA”

E ON LINE SU
“SCENA  CRIMINIS”

POTRETE LEGGERE  TUTTI I RETROSCENA DEL DELITTO




Nessun commento:

Posta un commento