sabato 8 aprile 2017



 VERRÀ PUBBLICATO IL DELITTO CHE  ACCADDE  

alla Frazione Cave di San Marcellino 
il 30 luglio del 1955

IL GIOVANE LUIGI DIANA
UCCISE LA SORELLA DI SEDICI ANNI ESSENDO CONTRARIO AL SUO FIDANZAMENTO


LUNEDI’  10 APRILE  2017
NELLA RUBRICA
“CRONACHE DAL PASSATO”
A CURA DI FERDINANDO TERLIZZI
SUL QUOTIDIANO
“CRONACHE DI CASERTA”
E ON LINE SU
“SCENA  CRIMINIS”



Un colpo di pistola alla mammella. La ragazza amoreggiava con il coetaneo Francesco OIiva che però era già fidanzato con altra giovane… 

Se non che la sorella continuava a vedersi con il giovane Francesco ed anzi coglieva ogni pretesto per uscire all’aperto, mettersi in  mostra e fargli segnali incurante della opposizione  dei familiari e perfino delle percosse che per tale suo comportamento le venivano inflitte...
 Allora doveva essere uccisa!


La mamma e la cognata della vittima riferivano ai carabinieri che si trattava di suicidio. Il fratello della ragazza alla fine confessava di averla uccisa per sbaglio… invece era un delitto premeditato…..


LA CORTE DI ASSISE 
DI SANTA MARIA CAPUA VETERE 
CONDANNO’ IL GIOVANE – DIFESO DALL’AVV. GIUSEPPE GAROFALO - 
A 20 ANNI DI RECLUSIONE.  
IN APPELLO PERO’ LA CONDANNA SCESE A 4 ANNI PERCHE’ LA MORTE FU RITENUTA COME CONSEGUENZA DELLE MINACCE –


NEL CORSO DELLA CELEBRAZIONE DEL PROCESSO IN OCCASIONE DELLA MORTE DELL’AVV. SEN. GIUSEPPE FUSCO – L’AVV. GIUSEPPE GAROFALO COMMEMORO’ LA FIGURA DEL GRANDE PENALISTA  SAMMARITANO – CHIEDENDO ALLA CORTE DI RINVIARE IN PROCESSO PER LUTTO DELL'AVVOCATURA  SAMMARITANA – 
LA CORTE ADERI’ RINVIANDO AD UNA SUCCESSIVA UDIENZA LA  TRATTAZIONE DEL PROCESSO -


Nessun commento:

Posta un commento