martedì 6 giugno 2017

L’intervento del direttore del
Dipartimento di Giustizia Minorile
"Andrea Angiulli"
  


LA PRIMA NAZIONALE DEL LIBRO
DEL GIORNALISTA
FERDINANDO TERLIZZI
“DELITTI IN BIANCO & NERO A CASERTA”  

    e la

Rievocazione del processo per l’assassinio di Enrico Gallozzi

Sala del Teatro del Dipartimento di Giustizia Minorile
"Andrea Angiulli"
 S. Maria Capua Vetere
Giovedì 18 maggio 2017



Buonasera e grazie di essere intervenuti passo immediatamente all’avvio della cerimonia dei saluti istituzionali e cedo il microfono al padrone di casa, il dottore Anselmo Bovenzi, direttore del Servizio Diurno Polifunzionale dell'Angiulli. 


Grazie, io soltanto vi prometto un brevissimo saluto per doveroso senso di ospitalità essendo - come dire? - direttore di questa struttura da un po' di anni, dal lontano '91.
In questo arco di tempo non breve ho avuto modo di assistere alle diverse trasformazioni di questa struttura che da sammaritani conoscete bene essere stato un Regio riformatorio giudiziario, poi una Casa di Rieducazione, poi un Istituto di osservazione per minorenni, poi ancora un Istituto penale per minorenni, fino a diventare prima Comunità e adesso Servizio Diurno Polifunzionale. È un servizio nuovo su cui l’Amministrazione punta molto per valorizzare meglio le pene alternative al carcere e quindi è un servizio particolarmente attenzionato dall'Amministrazione.

Noi stiamo cercando di costruire l’identità di questo nuovo servizio, sempre rivolto ai giovani che stanno in difficoltà, con percorsi più difficili, e stiamo riempiendo di contenuti questo luogo, proponendo ai giovani soprattutto di venire qua a fare delle cose, delle attività, dei corsi, e ne stiamo organizzando da qualche anno a questa parte diversissimi.
Abbiamo nel frattempo sottoscritto anche un protocollo di intesa con il Comune di Santa Maria Capua Vetere e lo stiamo verificando, sperimentando con estrema concretezza che cosa significa collaborare per creare benessere per la comunità sammaritana.
Questa è una struttura al servizio della città che inevitabilmente dovrà essere punto di riferimento per tante cose.
Anche le iniziative culturali ci aiuteranno in questo senso a ridefinire l’identità di questo posto, ne abbiamo organizzato  con l’Università della Terza Età e con l’associazione “Il Pilastro”,  una giovedì scorso su Van Gogh, oggi c’è questa rievocazione dell’omicidio Gallozzi e il 22 ci sarà una manifestazione del Comune insieme a noi, sempre in questi ambienti, dove il Comune presenterà le politiche giovanili.
Ripeto, le iniziative culturali sono benvenute, ben accette, perché tendono anche a cambiare quella che è l'immagine storica che c’è nella memoria collettiva dei sammaritani di un luogo quasi da cui prendere le distanze. Oggi è un’altra realtà, è un servizio dentro alla città, benvenuti a tutti quelli che ci daranno una mano a costruire questo nuovo servizio. E qui finisce con un saluto, un auspicio che effettivamente questo luogo non serva più, non può essere più ricordato come un luogo chiuso, autoreferenziale, un luogo di punizione, ma essere invece un luogo dove si fa anche la cultura e coinvolgendo soprattutto le giovani generazioni, vi ringrazio e buon lavoro. 
(Applausi)
(1 – continua )

La documentazione degli atti è stata realizzata da:
Sediver srl – Via Ferrarecce, 181 – 81100 Caserta
Tel 0823 216964 - fax 0823 279369 - mail: info@sediver.it





Nessun commento:

Posta un commento