lunedì 20 gennaio 2014

 i
    


Giustizia: la Cancellieri diserta l'assemblea dell'Oua, avvocati in rivolta

PDFStampa
di Mariolina Iossa

Corriere della Sera, 20 gennaio 2014


Sei mesi dopo il labiale colto da Sky ("Me li levo dai piedi") nuovo conflitto tra Guardasigilli e legali. "Napoli non è più importante di Mosca". La replica: "Un ministro non parla così"
Torna fortissima la tensione tra il ministro Cancellieri e gli avvocati, sei mesi dopo quel labiale del responsabile della Giustizia ("li vado ad incontrare così me li levo dai piedi") colto da Skytg24. Accadde durante un dibattito a Napoli mentre il Guardasigilli lasciava la sala per andare ad ascoltare le richieste dei legali napoletani che protestavano contro la riorganizzazione dei tribunali e i tagli delle sedi. Da allora il rapporto si è incrinato e giovedì scorso, sempre a Napoli, lo scontro è proseguito ma a distanza. Il ministro era a Mosca per un impegno istituzionale e all'assemblea nazionale dell'Organismo unitario, gli oltre mille avvocati provenienti da tutte le regioni italiane, hanno rivolto al sottosegretario Cosimo Ferri, che parlava a nome del ministro, la loro offensiva. Fischi, urla e vibrate proteste: c'è stata molta agitazione durante l'incontro, anche perché gli avvocati speravano di avere un confronto con il ministro e la sua assenza ha finito per esacerbare gli animi. I legali sono pronti a dare battaglia sull'accorpamento dei tribunali e sulla riforma della geografia giudiziaria, che secondo l'avvocatura ha creato il caos e moltiplicato i costi per le notifiche degli atti giudiziari, e hanno attaccato la Cancellieri chiedendone nuovamente le dimissioni. "Gli atteggiamenti verso gli avvocati, e quindi verso i cittadini, sono incompatibili con la funzione ministeriale", hanno scritto gli avvocati in un comunicato. Da Mosca il Guardasigilli aveva ribadito la propria disponibilità a dialogare con l'avvocatura ma aveva anche criticato quella "gazzarra indegna di un Paese civile", sottolineando di non essere andata a Napoli "perché ero qui, e loro pensano che Napoli sia più importante di Mosca". Ma a Napoli non c'erano solo gli avvocati campani, c'erano i rappresentanti di tutta la categoria, ribattono i difensori, e si discuteva di questioni importanti su cui il governo deve dare risposte. Il sottosegretario Ferri ha provato comunque a placare gli animi, offrendo all'assemblea una data per incontrare il ministro, il 28 gennaio, data che tuttavia gli avvocati hanno rifiutato. Alla platea infuocata, Ferri ha detto che "la critica è giusta ma bisogna pure ascoltare le risposte e cercare insieme soluzioni". Questa è la linea del ministro che ieri, parlando di quanto accaduto con i suoi collaboratori, ha sostenuto che "questa situazione non può proseguire così a lungo, bisogna trovare una mediazione". L'occasione potrebbe essere l'inaugurazione dell'anno giudiziario. Intanto gli avvocati hanno ribadito la loro road map di proteste: astensione dal lavoro dal 18 al 20 febbraio e manifestazione nazionale a Roma.

Nessun commento:

Posta un commento