venerdì 7 agosto 2015

 


LA SMETTESSERO QUESTI PROFESSIONISTI DELL’ANTIMAFIA (TUTTI COME QUELLA FACCIA DA MARIUOLO DI LORENZO DIANA) DI SPUTARE SENTENZE DEL CAZZO SOLO PER FARE SALOTTO. I VERI  MAFIOSI E CAMORRISTI STANNO A ROMA. 


Mafia e informazione, “Non solo minacce, così i giornali sono contigui alla criminalità organizzata”
________________________________________
In Campania la pubblicità ai giornali 
la fa la Camorra

(Stralcio della relazione di Claudio Fava- un altro professionista dell’Antimafia)

…”Dalla Sicilia si passa alla Campania, dove i rapporti tra giornali e associazioni criminali sono, secondo l’Antimafia, più evidenti. Nella terra che ha dato i natali a Giancarlo Siani e a Roberto Saviano capita anche che i boss della Camorra facciano endorsement(*) pubblici in favore di un giornale. “In un caso, la Gazzetta di Caserta pubblicò la lettera che gli era stata spedita da Francesco Schiavone, all’epoca capo del clan dei Casalesi, che si congratulava con il direttore per quanto fosse bello quel giornale, lettera pubblicata in prima pagina, con l’indicazione che quel giornale gli piaceva più dell’altro, cioè del Corriere di Caserta, e che quindi avrebbe detto a tutti i suoi amici di cambiare giornale. In effetti, la Dda accertò che da un giorno all’altro ci fu un passaggio di 2.000 copie da una testata all’altra”, ha spiegato la senatrice del Pd Rosaria Capacchione, giornalista del quotidiano Il Mattino, finita sotto scorta”….

Una relazione quella di Fava (assurto agli onori della cronaca solo perché gli hanno ammazzato il padre, giornalista con le “palle”, come Mauro De Mauro o Giò Marrazzo)  degna di essere portata al cesso come carta igienica. Sono stato direttore di Gazzetta di Caserta ed ora sono collaboratore di Cronache di Caserta, quindi mio sento – indirettamente - chiamato in causa  e faccio le seguenti considerazioni:
1)    Se un boss scrive una lettera ad un giornale il giornale è contiguo alla mafia?
2)    Se un boss esprime un parere su di un giornale i suoi accoliti  lo comprano subito?
3) Gazzetta di Caserta ( questa è la più grande stronzata di tutti i tempi) non ha mai venduto più di 200 copie al giorno neppure quando direttore era quel folle di Pasquale Clemente
4) Sulle scorte non mi pronuncio ( lo ha fatto più autorevolmente di me il commissario Pisani ): “Non sempre sono concesse per pericoli veri, il 99% è uno status simbol da esibire” ( vedi Saviano e non solo).  




(*)Mia nota “endorsement” la girata come specifica l’Accademia della Crusca 

Nessun commento:

Posta un commento