sabato 23 gennaio 2016





Giuseppe Conte uccise la sorella Rosa con 4 colpi di pistola alla presenza di un’altra sorella e due nipotini.

ALLA BASE DEL TRUCE DELITTO LA SPARTIZIONE DEGLI UTILI DI UNA FABBRICA CLANDESTINA PER IL CONTRABBANDO DELL’ALCOOL. IL CRUENTO EPISODIO FU GERMINATO DALLA ISTIGAZIONE DELLA MOGLIE DELL’ASSASSINO CHE ODIAVA LE COGNATE LE QUALI L’ACCUSAVANO DI AVERE UN AMANTE - L’ATTIVITÀ TRUFFALDINA DELLA FABBRICA CLANDESTINA BLOCCATA DALLA GUARDIA DI FINANZA. LA CONDANNA FU A 17 ANNI DI RECLUSIONE CON L’ATTENUANTE DELLA PROVOCAZIONE E LA CONCESSIONE DELLE GENERICHE. L’IMPUTATO DOVETTE SBORSARE FIOR DI MILIONI PER IL RISARCIMENTO DEL DANNO. LA PENA  FU  RIDOTTA AD ANNI 12 IN SEDE DI APPELLO.


 
 Il delitto accadde a Villa di Briano 
il 7 marzo del 1951


Nessun commento:

Posta un commento